fbpx
blank

Bettazzi: “Per la sicurezza sul lavoro serve un piano straordinario congiunto di interventi e investimenti, ma l’immagine di Prato mostrata da Piazza Pulita non è il volto reale delle imprese di questo distretto”.

“Una fotografia impietosa e non veritiera del distretto pratese, che ha sì sacche di illegalità da rimuovere con fermezza, ma ha anche migliaia di imprese sane, la maggioranza, che lavorano in piena sicurezza e nel totale rispetto delle normative”. Claudio Bettazzi, presidente di CNA Toscana Centro interviene sul servizio mandato in onda dalla trasmissione PiazzaPulita su La7 e avanza alcuni distinguo.
“L’accusa che ci è stata rivolta e che contrassegna tutta la realtà imprenditoriale pratese come una specie di crogiuolo di illegalità e mancanza di sicurezza dentro le aziende, deve essere fermamente rinviata al mittente. Il quadro emerso dalla trasmissione infatti danneggia pesantemente l’immagine del nostro distretto e lascia passare il messaggio che i casi documentati, che condanniamo con fermezza, rappresentino la normalità. Così non è , e dobbiamo affermarlo in maniera chiara. Detto questo però, è altrettanto evidente è permane un problema della sicurezza sui luoghi di lavoro, e che vada affrontato entrando nel merito delle situazioni e dei provvedimenti necessari, cercando, ad un tavolo di confronto in cui siano presenti tutti i soggetti coinvolti, i meccanismi migliori per aggredire e rimuovere anche queste sacche di inaccettabile irregolarità.
Molto è stato fatto in questi anni dalle aziende sul piano della formazione e degli investimenti in sicurezza, e molto è stato fatto per scongiurare i rischi connessi a questi comportamenti fuori legge. Basti pensare al Piano strategico rivolto alle imprese cinesi e attivato dalla Regione, anche a seguito della forte azione e della collaborazione della CNA,  che ha contribuito in maniera sostanziale, se non a risolvere, a  rinormalizzare  le condizioni di degrado emerse dopo la tragedia del Teresa Mode.  In quel particolare momento di storia imprenditoriale  – conclude Bettazzi – l’azione straordinaria, che ha mixato controlli e informazione, si è dimostrata la risposta giusta del distretto sul piano della legalità e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Ecco, oggi è necessario ripercorrere la stessa positiva esperienza, nella consapevolezza che il nostro è un territorio complesso, costellato prevalentemente da imprese che lavorano nelle regole, e sul quale abbiamo il dovere di programmare e mettere in campo strategie straordinarie comuni di intervento e di investimenti, per far sì che nessuno debba mai più rischiare di perdere la vita sul lavoro”.

Controlla anche

Contributi pubblici: obbligo di trasparenza entro il 30 giugno

Si ricorda che la legge per il mercato e la concorrenza (L n.124/2017) integrata dal …

blank

Convenzione tra CNA e Consorzio LegnoLegno per le prove di laboratorio riservata alle imprese associate

CNA ha stipulato una convenzione sui servizi inerenti le prove di laboratorio per la filiera …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: