fbpx

Contributi per imprese settore tessile, moda e accessori costituite da meno di 5 anni – scadenza 22 settembre

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato le Modalità di attuazione della misura di sostegno alle piccole imprese operanti nell’industria del tessile, della moda e degli accessori. La misura prevede uno stanziamento di 5 milioni di euro fatti salvi eventuali incrementi della dotazione finanziaria disposti con successivi provvedimenti legislativi o amministrativi.

 

Beneficiari

Imprese di piccola dimensione, ai sensi di quanto previsto nell’allegato I al regolamento di esenzione (Reg. 651/2014), non quotate e che non hanno rilevato l’attività di un’altra impresa e non sono state costituite a seguito di fusione. Alla data di presentazione della domanda le predette imprese devono:

a. risultare iscritte e «attive» nel Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente da non più di cinque anni. Il medesimo requisito deve essere altresì rispettato alla data di concessione dell’aiuto;

b. svolgere in Italia una o più delle attività economiche elencate di seguito: 

  • 13 Industrie tessili
  • 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia
  • 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili
  • 29.11 Fabbricazione di parti in legno per calzature
  • 29.12 Fabbricazione di manici di ombrelli, bastoni e simili
  • 42.00 Fabbricazione di prodotti per toletta: profumi, cosmetici, saponi e simili
  • 59.60 Fabbricazione di prodotti ausiliari per le industrie tessili e del cuoio
  • 12.10 Fabbricazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi
  • 12.20 Lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale
  • 13.01 Fabbricazione di cinturini metallici per orologi (esclusi quelli in metalli preziosi)
  • 13.09 Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili nca
  • 50.50 Fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi tipo; montatura in serie di occhiali comuni
  • 99.20 Fabbricazione di ombrelli, bottoni, chiusure lampo, parrucche e affini
  • 10.10 Attività di design di moda

c. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie; alla data del 31 dicembre 2019, le imprese non dovevano essere in situazione di difficoltà, come disciplinata dall’art. 2, punto 18, del regolamento di esenzione;

d. essere in regola con le disposizioni vigenti in materia obblighi contributivi;

e. non avere ancora distribuito utili

f. non essere in situazione di difficoltà alla data del 31 dicembre 2019, come disciplinata dall’articolo 2, punto 18, del regolamento di esenzione, ma che lo sono diventate nel periodo dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2021, ferma restando la sussistenza, alla data di presentazione della domanda, della condizione di cui alla precedente lettera c).

 

Iniziative ammissibili

Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al decreto i seguenti progetti proposti dai soggetti di cui sopra:

  1. progetti finalizzati alla realizzazione di nuovi elementi di design;
  2. progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni di processo produttivo;
  3. progetti finalizzati alla realizzazione e all’utilizzo di tessuti innovativi;
  4. progetti ispirati ai principi dell’economia circolare finalizzati al riciclo di materiali usati o all’utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili;
  5. progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni digitali.

 

Investimento minimo 50.000 euro massimo 200.000 euro

Durata 18 mesi dal provvedimento di concessione

 

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese strettamente funzionali alla realizzazione dei progetti di investimento sostenute dopo la data di presentazione della domanda di agevolazione e relative a:

  1. acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica, comprese le relative spese di installazione;
  2. brevetti, programmi informatici e licenze software;
  3. formazione del personale inerenti agli aspetti su cui è incentrato il progetto a fronte del quale è richiesta l’agevolazione. La formazione deve essere acquisita da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente e alle normali condizioni di mercato, in misura non superiore al 10% dell’importo del progetto.

È altresì ammissibile alle agevolazioni un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante, nel limite del 20% delle spese complessivamente ritenute ammissibili. Le esigenze di capitale circolante devono essere giustificate nella proposta progettuale e possono essere utilizzate ai fini del pagamento delle seguenti voci di spesa:

  1. materie prime, ivi compresi i beni acquistati soggetti ad ulteriori processi di trasformazione, sussidiarie, materiali di consumo e merci;
  2. servizi, diversi da quelli compresi nelle spese di cui sopra, necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa;
  3. godimento di beni di terzi;
  4. personale direttamente impiegato nella realizzazione dei progetti di investimento.

Non sono ammissibili alle agevolazioni le spese:

  1. relative a beni usati e a mezzi targati;
  2. relative ad opere edili di qualsiasi tipo;
  3. inerenti a beni la cui installazione e il cui utilizzo non è previsto presso la sede operativa prevista per la realizzazione del progetto;
  4. sostenute attraverso il sistema della locazione finanziaria;
  5. ascrivibili a titoli di spesa il cui importo sia inferiore a euro 500,00 al netto di IVA;
  6. relative a imposte e tasse.

L’imposta sul valore aggiunto è ammissibile all’agevolazione solo se la stessa rappresenta per il beneficiario un costo effettivo non recuperabile.

 

Contributi

Il contributo è concesso nella misura del cinquanta per cento delle spese ammissibili nella forma di sovvenzione (contributo a fondo perduto)

 

Procedure e termini

Le agevolazioni saranno concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.

Le domande dovranno essere presentate tramite piattaforma informatica Invitalia a partire dalle ore 12 del 22 settembre 2021. Per la presentazione è necessario che il legale rappresentante sia dotato di SPID

 

Per informazioni, assistenza e consulenza: Ufficio Credito CNA – Finart contattare entro il 10 settembre

Controlla anche

Ultimi giorni per ADERIRE al Premio Cambiamenti CNA, il Premio al pensiero innovativo della neo impresa italiana!! Scade il 30 settembre !!

Ancora pochi giorni per CANDIDARSI al contest 2021 del Premio Cambiamenti CNA per celebrare il …

Covid 19 – Via al Decreto che estende l’obbligo di Green Pass ai lavoratori della p.a., imprese private, organi amministrativi ed elettivi, mondo del volontariato.

Via libera del Consiglio dei ministri all’unanimità al decreto legge green pass per tutti i …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: