fbpx

Contributi Regione Toscana per imprese della ristorazione – scadenza 18 maggio

La Regione Toscana ha stanziato 4 milioni destinati alla filiera della ristorazione

Possono richiedere il contributo le imprese con sede legale o almeno un’unità locale in Toscana, iscritte in Camera di Commercio o professionisti

Possono presentare domanda Micro, piccole e medie imprese, nonché professionisti, aventi la sede operativa ubicata nel territorio regionale, ed operanti nei settori economici riportati nell’elenco allegato alla presente.

L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto di importo pari ad Euro 2.500,00 per ciascun beneficiario, a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 sia inferiore di almeno il 30,00% rispetto all’ammontare del fatturato e/o dei corrispettivi realizzati nel periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Non possono fare richiesta le imprese che siano risultate assegnatarie di un contributo ai sensi del precedente bando regionale di gennaio 2021 (decreto dirigenziale 21573 del 24/12/2020).

Inoltre il contributo può essere cumulato con altri contributi ricevuti per il calo di faturato/corrispettivi però nei limiti della riduzione del fatturato/corrispettivi.

Ai fini della determinazione del fatturato e dei corrispettivi si deve considerare il totale del fatturato e dei corrispettivi relativi alle unità operative localizzate in Toscana con codice attività prevalente appartenente ad uno dei settori economici indicati sotto (v. elenco Codici ATECO). Ai fini del suddetto calcolo non vanno considerati i ricavi derivanti da cessione di beni strumentali.

Per le imprese che si sono costituite nel corso del 2019, la verifica del suddetto calo di fatturato/corrispettivi si effettua confrontando i mesi di operatività nel 2019 con gli stessi mesi nel 2020; per le imprese che, invece, si sono costituite nel corso del 2020, non è richiesto il requisito del calo del fatturato/corrispettivi ma il contributo spettante verrà riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di operatività nel periodo di osservazione 1 gennaio 2020-31 dicembre 2020.

In entrambi i casi, qualora l’attività non sia iniziata in coincidenza con l’inizio del mese, il mese sarà computato per intero, se la data di inizio cade tra l’1 ed il 15, mentre non sarà computato se l’attività è iniziata dal giorno 16 in poi. Pertanto non saranno ammessi a beneficiare del contributo le imprese ed i professionisti che abbiano iniziato l’attività a decorrere dal 16 dicembre 2020.

Inoltre le imprese la cui operatività è iniziata dal 16 dicembre 2019 al 31 dicembre 2019 (che quindi non hanno un fatturato 2019 da confrontare con l’analogo fatturato 2020), il contributo spetterà per l’intero importo di Euro 2.500,00.

Infine, le imprese nate nel 2020 a seguito di un’operazione di conferimento d’azienda o di cessione di azienda, non sono assimilate a nuove imprese e, quindi, si confronterà il fatturato/corrispettivi del 2020 con quello del 2019 delle imprese preesistenti.

Le domande potranno essere presentate dal 4 al 18 maggio.

Non ci sarà un click day: si entrerà in graduatoria in base al calo del fatturato, con perdite di almeno del 30 per cento.

 

Per informazioni, assistenza e consulenza:
contattare i seguenti riferimenti almeno 7 giorni prima la scadenza del bando

Imprese con servizio contabilità CNA: contattare il proprio referente

Imprese senza servizio contabilità:
– Ilaria Banci Tel. 0574 578554 E-mail: ilaria.banci@cnatoscanacentro.it  (dalle 8,30 alle 13)
– Barbara Bruni Tel. 0573 921413 E-mail: barbara.bruni@cnatoscanacentro.it

 

Elenco codici Ateco ammissibili

56 – Attività dei servizi di ristorazione

46.31.10 – Commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi freschi

46.31.20 – Commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi conservati

46.32.10 – Commercio all’ingrosso di carne fresca, congelata e surgelata

46.32.20 – Commercio all’ingrosso di prodotti di salumeria

46.33.10 – Commercio all’ingrosso di prodotti lattiero-caseari e di uova

46.33.20 – Commercio all’ingrosso di oli e grassi alimentari di origine vegetale o animale

46.34.10 – Commercio all’ingrosso di bevande alcoliche

46.34.20 – Commercio all’ingrosso di bevande non alcoliche

46.35.00 – Commercio all’ingrosso di prodotti del tabacco

46.36.00 – Commercio all’ingrosso di zucchero, cioccolato, dolciumi e prodotti da forno

46.37.01 – Commercio all’ingrosso di caffè

46.37.02 – Commercio all’ingrosso di tè, cacao e spezie

46.38.10 – Commercio all’ingrosso di prodotti della pesca freschi

46.38.20 – Commercio all’ingrosso di prodotti della pesca congelati, surgelati, conservati, secchi

46.38.30 – Commercio all’ingrosso di pasti e piatti pronti

46.38.90 – Commercio all’ingrosso di altri prodotti alimentari

46.39.10 – Commercio all’ingrosso non specializzato di prodotti surgelati

46.39.20 – Commercio all’ingrosso non specializzato di altri prodotti alimentari, bevande e tabacco

46.17.01 – Agenti e rappresentanti di prodotti ortofrutticoli freschi, congelati e surgelati

46.17.07 – Agenti e rappresentanti di altri prodotti alimentari (incluse le uova e gli alimenti per gli animali domestici); tabacco.

Controlla anche

blank

Al via il Prato Film Festival 2021. CNA Toscana Centro protagonista della serata del 27 luglio, al Castello dell’Imperatore

Prato Film Festival, ciak per la nona edizione della manifestazione cinematografica internazionale ideata dal Direttore …

blank

Mirko Monzali guiderà l’Area Valdibisenzio di CNA per i prossimi 4 anni. Le priorità per le imprese “Mobilità e opere viarie, fibra e cablaggio e politiche mirate ai piccoli Comuni”

Mirko Monzali, di 47 anni, titolare dell’azienda Deafil, roccatura collocata nella filiera tessile con sede …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: