fbpx

LA REVISIONE DEI MEZZI PESANTI PUÒ ESSERE EFFETTUATA ANCHE DA OFFICINE ESTERNE AUTORIZZATE

Novità importante per i centri di revisione autorizzati.

Il decreto 15 novembre 2021 “Aggiornamento della disciplina relativa alla revisione dei veicoli pesanti”, permette ai centri revisione autorizzati di effettuare le attività di revisione dei veicoli pesanti, superiori a 3,5T, così come individuati dall’art. 80, comma 8, del codice della strada.

Il Decreto è visionabile a questo link: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2021-11-23&atto.codiceRedazionale=21A06855&elenco30giorni=true

Oppure scarica il pdf cliccando qui

Nell’immediatezza dell’uscita del decreto CNA Toscana Centro mette il focus sugli elementi significativi e di immediato interesse per i centri di revisione che intendono operare nella revisione dei mezzi pesanti, che sono:

-(Art. 5, Obblighi degli operatori autorizzati), comma 2.

Si evidenzia che l’ispettore autorizzato per i mezzi pesanti deve essere dotato di della specifica certificazione “Modulo C” conseguita presso un’agenzia formativa accreditata e a seguito di superamento dell’esame. Il corso prevede una durata complessiva di 50 ore tra teoria e pratica e l’abilitazione si consegue a seguito dello specifico esame. Possono accedere al corso per il “Modulo C” necessario per diventare ispettore di veicoli pesanti, tutti coloro che hanno conseguito la qualifica di ispettore prima del 20 maggio 2018 con la precedente normativa oppure dopo tale data se in possesso della qualifica di ispettore con la normativa attuale DM MIT 214/2017 e siano in possesso della qualifica del “Modulo B”. [CNA Toscana Centro si sta organizzando per mettere in opera un primo corso fin dalle prossime settimane]

-(Art. 7, Struttura Organizzativa necessaria), comma 6.

La struttura organizzazione e la dotazione necessaria per effettuare l’attività sarà disciplinata con successivi decreti dirigenziali dell’autorità competente. Quindi a oggi questo punto non è definito e sarà necessario attendere successive indicazioni.

Per i centri di revisione già autorizzati si sottolinea che l’art. 5 comma 1 del decreto prevede che gli   operatori   autorizzati,  in   corso di esercizio dell’autorizzazione, debbano comunicare  tempestivamente alla competente provincia ogni ipotesi di variazione dei propri requisiti e quindi anche dell’acquisizione delle condizioni che consentiranno di operare sui mezzi pesanti.

Per ulteriori approfondimenti, anche sul corso di formazione in fase di organizzazione,  è possibile contattare il Coordinatore CNA Servizi alla Comunità Giacomo Buonomini a questa mail: giacomo.buonomini@cnatoscanacentro.it

 

Segue il comunicato Stampa del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili.

 LA REVISIONE DEI MEZZI PESANTI PUÒ ESSERE EFFETTUATA ANCHE DA OFFICINE ESTERNE AUTORIZZATE.

Lo prevede il decreto firmato dal Ministro Giovannini. Il Viceministro Morelli: “In questo modo si semplificano le procedure e si potranno smaltire le pratiche arretrate”

23 novembre 2021 – Anche la revisione dei mezzi pesanti potrà essere svolta dalle officine esterne, come già avviene per le autovetture. È quanto prevede il decreto firmato dal Ministro delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, che attua la riforma della disciplina delle revisioni contenuta nel codice della strada. Fino ad oggi, infatti, la possibilità di effettuare i controlli presso un’officina esterna autorizzata, in alternativa agli uffici delle Motorizzazioni, riguardava i soli veicoli a motore con capienza massima di 16 persone, compreso il conducente, o con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate. Grazie alle nuove disposizioni, anche la revisione dei mezzi con massa superiore a 3,5 tonnellate – se destinati al trasporto di merci non pericolose o non deperibili in regime di temperatura controllata – potrà essere affidata alle officine autorizzate dalla Provincia competente.

 “L’esternalizzazione delle revisioni dei mezzi pesanti segna il completamento dell’iter di semplificazione del procedimento amministrativo in materia di revisioni”, commenta il Viceministro alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili Alessandro Morelli, con delega sulle questioni relative al codice della strada. “La nuova disciplina – continua Morelli – consentirà di garantire maggiore sicurezza sulle nostre strade, a beneficio di cittadini e imprese, e di smaltire in tempi ragionevoli migliaia di pratiche pendenti negli uffici della Motorizzazione civile di tutta Italia, velocizzando le procedure per i veicoli impiegati nella catena strategica della logistica”.

Controlla anche

CNA Pensionati in Convegno – Focus su “Welfare Lavoro Sviluppo: quale futuro nel post pandemia” – Domenica 12.12.2021 – PRENOTATI !!

CNA PENSIONATI TOSCANA CENTRO organizza un doppio e importante appuntamento annuale per  Domenica 12 Dicembre  …

“Caro Energia, non spegnete le PMI”. All’iniziativa di CNA nazionale con i rappresentanti dei Gruppi Parlamentari gli interventi della Vicepresidente Nazionale Elena Calabria e Francesco Viti, Presidente Filiera della Moda

Le PMI italiane pagano le bollette energetiche più care d’Europa e questa emergenza richiede soluzioni …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: