fbpx

Dieci milioni per il distretto tessile: il programma dei bandi – 8 milioni a sostegno di progetti di imprese, 2 milioni per progetti di sistema del distretto

Presentati nella sede di PRISMA dal Comune di Prato, le associazioni di categoria e le parti sociali della città, i bandi a sostegno del distretto tessile, resi possibili grazie al contributo straordinario di 10 milioni di euro che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il Ministero dello Sviluppo Economico hanno assegnato ufficialmente nell’agosto 2022 al Comune di Prato.

Per CNA Toscana Centro sono interventi il Presidente Claudio Bettazzi, il Presidente di CNA Federmoda Francesco Viti e il Direttore Cinzia Grassi.
Per informazioni sui bandi è possibile inviare una mail a simone.marchi@cnatoscanacentro.it

Potranno presentare progetti solo le imprese con sede legale o unità locale destinataria dell’intervento nell’ambito territoriale e funzionale del distretto industriale pratese (in base alla definizione del distretto prevista nella deliberazione del Consiglio regionale della regione Toscana 21 febbraio 2000, n. 69). La sede legale deve, in ogni caso, trovarsi nel territorio nazionale. La localizzazione deve risultare dal Registro delle imprese.

Le agevolazioni concesse sono suddivise in due tipologie:

  1. a) programmi di investimento;
  2. b) attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale

riconducibili a tre specifiche linee di intervento:

  1. a) sostenibilità socio-ambientale della produzione;
  2. b) trasformazione tecnologica e digitale e innovazione dell’impresa;
  3. c) rafforzamento della filiera produttiva.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni, i progetti devono:

– essere realizzati nella sede legale o unità locale destinataria dell’intervento nell’ambito territoriale e funzionale del distretto industriale pratese;

– garantire la sostenibilità ambientale degli investimenti;

– essere ultimati entro 24 (ventiquattro) mesi dalla data del provvedimento di concessione

delle agevolazioni.

Ciascuna impresa, sia in forma singola che in qualità di partecipante ad un progetto integrato di distretto, può presentare una sola domanda di agevolazione, fatta salva la possibilità di presentazione di una nuova domanda su successivo avviso, in caso di rigetto dell’istanza dopo la relativa istruttoria.

Anche per consentire questa opportunità, i bandi sono stati calendarizzati a distanza di circa tre mesi l’uno dall’altro ed usciranno quindi durante l’arco del 2023/2024. Già con il primo avviso, previsto per marzo 2023, saranno messi a bando ben 4 milioni di euro, la metà degli 8 previsti per l’erogazione tramite bandi.

A marzo 2023 uscirà il primo bando dedicato a programmi di investimento sull’efficientamento energetico, 4 milioni di euro, rivolto ad aziende singole, finanzierà progetti compresi tra un minimo di € 20 mila e un massimo di € 200 mila.

A giugno 2023 il Bando transizione ecologica/socio-sostenibilità ed economia circolare, 1,2 milioni di euro, rivolto ad aziende singole, per progetti non inferiori a 5mila € e non superiori a 100mila €.

A settembre 2023 il Bando Trasformazione tecnologica e digitale e innovazione d’impresa, risorse stanziate 1,3 milioni di euro, rivolto ad aziende singole, per la digitalizzazione base finanzierà progetti compresi tra un minimo 10mila e un massimo di 50 mila euro, per la digitalizzazione avanzata progetti tra 20 e 120 mila euro.
A gennaio 2024 il bando Ricerca industriale e sviluppo sperimentale per la transizione ecologica, risorse stanziate 750 mila €, rivolto ad aziende singole, per progetti compresi tra 20 e 100 mila €.

A giugno 2024 il bando rafforzamento della filiera, risorse previste 750 mila € per aziende singole – per progetti tra 10 e 50 mila euro – o aggregazioni di almeno 3 aziende di filiera – per progetti tra 30 e 120 mila euro.

Per quanto riguarda invece i 2 milioni dei progetti di sistema di euro il tavolo di coordinamento sta lavorando in stretta sinergia per arrivare a definire le progettualità che dovranno, in particolare, essere finalizzati alla realizzazione di soluzioni, piattaforme e infrastrutture comuni, strumentali ai temi della sicurezza nei luoghi di lavoro, dell’innovazione e digitalizzazione delle imprese e dell’attrazione e accelerazione di nuove imprese.

Per il sindaco di Prato, Matteo Biffoni: “Questa è la buona politica, affrontare i problemi di petto, lavorare pancia a terra e con un confronto costante. Abbiamo lavorato perché venisse riconosciuto il distretto pratese come asse portante del sistema economico nazionale, e così è stato come dimostra questo risultato storico per la nostra città: 10 milioni a sostegno del distretto. E oggi in collaborazione con le associazioni di categoria, le parti sociali e la Camera di commercio abbiamo individuato gli ambiti migliori in cui concentrare questi contributi e a pubblicare i relativi bandi. Voglio ringraziare tutti per il lavoro fatto, dobbiamo essere orgogliosi di una città e di un distretto che ha saputo unirsi per valorizzarsi”.

Per l’Assessore allo sviluppo economico del Comune di Prato, Benedetta Squittieri: Oggi presentiamo la roadmap dei bandi che usciranno tra il 2023 e il 2024  a sostegno del distretto tessile e lo facciamo con grande soddisfazione ma anche carichi di responsabilità. Questo è stato un percorso che ha visto fin da subito la sinergia tra il Comune di Prato e le categorie economiche e sociali della città. Abbiamo lavorato tutti insieme per arrivare nei tempi previsti e più rapidi possibile a presentare l’oggetto, le modalità di partecipazione e i tempi con i quali ogni impresa del distretto potrà partecipare e scommettere sul suo futuro. Efficientamento energetico, transizione ecologia, innovazione e digitalizzazione e rafforzamento della filiera produttiva, sempre con uno sguardo ai temi della sicurezza sul lavoro, sono i principi che ci hanno guidato nella scelta e impostazione dei bandi. Auspichiamo adesso una forte partecipazione delle imprese tessili ai bandi in modo da sostenere al meglio la crescita del nostro distretto.

SCARICA QUI LE SLIDE – SLIDE (BS)

 

 

 

 

Controlla anche

Emergenza Alluvione – Contributi EBRET a sostegno delle imprese colpite dall’alluvione – scadenza 31 luglio

  E’ attiva la misura straordinaria prevista da EBRET a sostegno delle imprese colpite dall’alluvione del 2 …

SAVE THE DATE – 3° Rapporto MISMATCH CNA – Venerdì 19 Aprile ore 10.30 Prato

PRESENTAZIONE DEL 3° RAPPORTO MISMATCH CNA Le aziende artigiane di fronte alle sfide del futuro: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.