giovedì , Luglio 18 2019
Home / Mestieri / Federmoda / Norme che ostacolano il recupero delle fibre tessili: le imprese pratesi scrivono al Ministro Costa “Venga a vedere con i suoi occhi”

Norme che ostacolano il recupero delle fibre tessili: le imprese pratesi scrivono al Ministro Costa “Venga a vedere con i suoi occhi”

Una richiesta di incontro, con un invito a Prato per rendersi conto di persona delle difficoltà imposte dalle normative per il riutilizzo delle fibre tessili: è questo lo scopo della lettera che Confindustria Toscana NordConfartigianato Imprese PratoCNA Toscana Centro e l’associazione Astri hanno inviato al Ministro dell’ambiente Sergio Costa.

Nella lettera viene ricordata la rilevanza del distretto pratese che, si evidenzia, se fosse una nazione sarebbe la settima in Europa per peso nel settore tessile. Ma soprattutto si sottolinea come la tradizionale propensione del distretto al riutilizzo delle fibre sia ostacolata da normative troppo vincolanti e restrittive sia per il pre-consumo (residui di pettinatura, filatura, tessitura, rifinizione e confezione, vale a dire cascami, testate, fila, frasami, ritagli) sia per il post-consumo (gli abiti usati). Si tratta di provvedimenti che nascono da indirizzi europei ma che hanno nelle legislazioni nazionali i loro principali riferimenti. Così, mentre i tavoli aperti con la Regione Toscana seguono il loro corso per le materie di pertinenza regionale (inclusa la richiesta di sostenere le istanze del mondo produttivo nelle relazioni con le autorità nazionali), le associazioni che raggruppano le imprese pratesi del settore hanno deciso di appellarsi direttamente al Ministro Costa.

“L’economia circolare non è solo un’alta e nobile aspirazione, che peraltro condividiamo, ma è anche e soprattutto operatività quotidiana delle imprese. Un’operatività che le normative dovrebbero regolare e incoraggiare: attualmente però non è così – commenta Fabia Romagnoli, delegata di Confindustria Toscana Nord per la sostenibilità -. Per arrivare a far sì che un residuo di lavorazione sia gestibile come sottoprodotto anziché finire fra i rifiuti le imprese devono espletare adempimenti complessi e onerosi soprattutto per quelle più piccole. Sul versante del post-consumo, invece, il tessile necessita di una più snella ed efficiente regolazione delle normative ‘end of waste’. Ci auguriamo che il Ministro accolga il nostro invito. Sarebbe un bel segnale di attenzione per il distretto.”

“Saremmo ben lieti di accogliere il Ministro Costa a Prato per toccare con mano  questo pesantissimo problema che penalizza soprattutto le piccole e medie imprese del comparto tessile, e benvengano provvedimenti in grado di dare risposte concrete al settore. – sottolinea il presidente di Federmoda CNA Toscana Centro Francesco Viti – Detto questo però, prendiamo atto che è stato appena dato il via libera al decreto end of waste per il riciclo dei PAP che permetterà  di far sviluppare una tecnologia industriale italiana creando nuovi posti di lavoro, e nell’agenda ministeriale i prossimi decreti end of waste saranno firmati per il recupero degli pneumatici, carta e cartone, plastiche miste e rifiuti da costruzione e demolizione. Lecita quindi una domanda: in tutto questo nutrito pacchetto di  interventi orientati all’economia circolare e alla tutela ambientale, che fine hanno fatto le azioni rivolte allo smaltimento e il recupero dei rifiuti tessili, preoccupazione primaria per tutto il nostro distretto?”

“Le complicazioni che si stanno verificando sono il frutto del distacco tra mondo politico e realtà produttiva  – dice Moreno Vignolini, presidente dei Tessili Confartigianato – Di fronte a un sistema produttivo pratese, storicamente attivo e capace di dare risposte in termini di economia circolare, ci si continua a scontrare con una politica che non ha capito che Prato è la soluzione o, peggio, con un apparato tecnico-burocratico che per presunzione, per paura di avallare decisioni o per poca conoscenza delle potenzialità del distretto, continua a non incentivare un sistema virtuoso. Caro ministro, la invitiamo da noi coi suoi tecnici non per fare sterili polemiche ma per rendersi conto di persona della qualità del nostro lavoro.”

“Da due anni stiamo aspettando un normativa sull’end of waste che finalmente definisca chiaramente quando un abito usato cessa di essere considerato rifiuto e può essere trattato come una risorsa – commenta Fabrizio Tesi, presidente di ASTRI, l’associazione per il tessile riciclato italiano – E’ un problema complesso, ma la soluzione può essere semplice: basta mettersi a un tavolo e definire questa cosa una volta per tutte. Non possiamo più attendere, le imprese sono stanche di questa incertezza.”

 

Controlla anche

L’impegno degli imprenditori di CNA World China per il decoro della città e il contrasto all’illegalità. Le proposte presentate ai Consiglieri comunali Lin e Wong

Cna World China, da sempre portatrice di azioni concrete per la legalità e contro l’abusivismo …

Ecobonus e Sismabonus. CNA ricorre all’Antitrust contro lo sconto in fattura previsto dal DL Crescita

Lo sconto in fattura previsto per Ecobonus e Sismabonus nel Decreto crescita altera la concorrenza …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: