fbpx
giovedì , Luglio 7 2022

Aumenti indiscriminati sulla Tari. Bettazzi, Cna: “Imprese e cittadini non possono continuare a pagare la mancanza di efficienza della politica. Questi rincari sono insostenibili”

Con la consegna delle bollette dei rifiuti, imprese e pmi tornano sul piede di guerra per i rincari indiscriminati imposti da Alia e Comuni sulla Tari.

Come sottolinea il Presidente di Cna Toscana Centro, Claudio Bettazzi, “in una situazione già molto complessa che vede le aziende strangolate, nel post-pandemia, dalla morsa degli aumenti su gas, energia elettrica e materie prime per gli effetti della guerra tra Russia e Ucraina, ora ci troviamo di fronte l’ennesimo e inaccettabile gioco al rialzo territoriale, senza assunzioni di responsabilità, al quale assistiamo ormai da anni e che, di fatto, va ad incidere pesantemente sulla competitività delle imprese di questo territorio. Gli aumenti, frutto del via libera dell’Ato di 65 amministrazioni parlano di un aumento assurdo che arriva fino all’8,6% , contro il +6,6% dell’anno scorso, ed è certo che non si vedrà un’inversione di tendenza fino a che la Regione non si deciderà a mettere in atto un piano serio per la realizzazione di nuovi impianti di smaltimento rifiuti, cosa che ormai attendiamo da anni. Per le imprese, ma anche per i cittadini, questo è inaccettabile e altrettanto devastante è il rimpallo di responsabilità a cui assistiamo tra Ato, Regione e Comuni”.

Dal canto suo, prosegue Bettazzi, “Cna ad ogni livello e da diversi anni contesta alle amministrazioni pubbliche rappresentate in Alia gli aumenti applicati sulle tariffe Tari, che penalizzano le attività economiche e peggiorano lo stato di difficoltà in cui versano tutte le aziende. Anche se in alcuni Comuni tra Prato e Pistoia si sta cercando di mettere delle toppe con delibere mirate a contenere gli aumenti deliberati dall’Assemblea Ato, di fatto il problema resta la mancanza degli impianti sul territorio, e questa lacuna non può essere scaricata solo sulle attività economiche che, di fatto,  tra aumento dei costi fissi e rincari dei costi per lo smaltimento, pagano due volte e in maniera iniqua la mancanza di efficienza dell’ente gestore e delle pubbliche amministrazioni. Ora è arrivato il momento che la politica si faccia carico delle sue responsabilità, di una gestione in netto peggioramento e che affronti questo problema in modo unitario e soprattutto con coraggio.

Una cosa è ormai chiara – conclude Bettazzi – sulla Tari è urgente passare all’applicazione della tariffa puntuale su tutti i territori, e non a livello sperimentale, e bisogna rivedere questa politica di gestione attraverso un patto tra Imprese, Regione, Comuni e Ato per avviare un confronto tecnico continuo e costruttivo che consenta di recuperare quei margini di efficienza e risparmio che ci sono ma non vengono sfruttati, a discapiti dell’intero sistema economico”.  

Controlla anche

Mascherine Nuovo protocollo anti COVID 19 settore Benessere. 

Mascherine Nuovo Protocollo anti COVID 19 settore Benessere

Mascherine Nuovo Protocollo anti COVID 19 settore Benessere. In data 30 giugno 2022 si è …

La trasformazione digitale delle imprese

La trasformazione digitale delle imprese

La trasformazione digitale delle imprese. Strumenti e Opportunità. La CNA, come Associazione che crede fortemente nell’innovazione …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: