fbpx
domenica , Gennaio 29 2023

Contributi fondo perduto per Investimenti – Ristorazione, gelaterie, pasticcerie e produzione pasticceria fresca

Scadenza: da definire

 

È stato pubblicato il 30 agosto 2022 il decreto 4 luglio 2022 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che definisce i criteri e le modalità di utilizzazione del Fondo di parte capitale per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano.

In particolare, l’intervento previsto dal decreto, è finalizzato a promuovere e sostenere le imprese di eccellenza nei settori della ristorazione e della pasticceria e a valorizzare il patrimonio agroalimentare ed enogastronomico italiano attraverso investimenti in macchinari professionali e altri beni strumentali durevoli.

La dotazione finanziaria disponibile per la concessione dei contributi ammonta a complessivi 56 milioni di euro

 

Beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

a) se operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.11 («Ristorazione con somministrazione»): essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel Registro delle imprese da almeno dieci anni o, alternativamente, aver acquistato, nei dodici mesi precedenti la data di pubblicazione del presente decreto (30/08/2022), prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25% del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo;

b) se operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.30 («Gelaterie e pasticcerie») e dal codice ATECO 10.71.20 («Produzione di pasticceria fresca»):essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel Registro delle imprese da almeno dieci anni o, alternativamente, aver acquistato, nei dodici mesi precedenti la data di pubblicazione del presente decreto (30/08/2022), prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI e prodotti biologici per almeno il 5% del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo;

c) sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedura concorsuale o a qualsiasi altra situazione equivalente ai sensi della normativa vigente;

d) non sono in situazione di difficoltà;

e) sono iscritte presso INPS o INAIL e hanno una posizione contributiva regolare, così come risultante dal documento unico di regolarità contributiva (DURC);

f) sono in regola con gli adempimenti fiscali;

g) hanno restituito le somme eventualmente dovute a seguito di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero;

h) non hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 maggio 2007 («Impegno Deggendorf»).

 

Contributi

Può essere concesso alle imprese un contributo in conto capitale non superiore al 70% (settanta per cento) delle spese totali ammissibili; contributo massimo 30.000,00 (trentamila/00) euro per singola impresa.

I contributi sono concessi nell’ambito del regolamento de minimis.

 

Iniziative ammissibili

Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di macchinari professionali e di beni strumentali all’attività dell’impresa, nuovi di fabbrica, organici e funzionali, acquistati alle normali condizioni di mercato da terzi che non hanno relazioni con l’impresa; i beni strumentali acquistati devono essere mantenuti nello stato patrimoniale dell’impresa per almeno tre anni dalla data di concessione del contributo.

 

Procedure e termini

I termini e le modalità di presentazione delle domande di agevolazione saranno definiti con provvedimento del direttore della Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica del Ministero, e sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e nel sito internet del Ministero (www.politicheagricole.it) e di Invitalia https://www.invitalia.it/.

Al provvedimento, che sarà emanato entro la fine di settembre, saranno allegati gli schemi in base ai quali devono essere presentate le domande di agevolazione.

 

Per informazioni, assistenza e consulenza: Ufficio Credito CNA – Finart contattare entro il 10 ottobre:

Barbara Bruni Tel. 0573 921413 E-mail: barbara.bruni@cnatoscanacentro.it
Ilaria Banci Tel. 0574 578554 E-mail: ilaria.banci@cnatoscanacentro.it

Controlla anche

CNA PROGETTO PENSIONE – Per te, un prodotto completo pensato per gli imprenditori che si avvicinano al pensionamento – Scopri qui come fare !!

CNA PROGETTO PENSIONE  Conosci la tua situazione contributiva? Il tuo estratto conto previdenziale è corretto? …

Webinar formativi di CNA Benessere e Sanità

Webinar formativi CNA Benessere e Sanità

Webinar formativi CNA Benessere e Sanità. Partiranno lunedì 30 gennaio i webinar formativi organizzati da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: