Emergenza Alluvione – Contributi Regione Toscana per imprese colpite da alluvione

La Regione Toscana in attesa delle misure nazionali ha stanziato circa 12 milioni di euro a sostegno delle imprese colpite dall’alluvione attraverso due bandi, di cui:

  • uno per un contributo a fondo perduto per abbattimento interessi su finanziamenti concessi dopo l’evento alluvionale
  • uno per contributi a fondo perduto per acquisto di nuovi beni strumentali materiali ed immateriali e interventi sugli immobili

 

Linea A – contributo a fondo perduto per abbattimento interessi su finanziamenti

 

Beneficiari

Micro, piccole e medie imprese e professionisti (MPMI) aventi sede legale e/o unità locale in Toscana, operanti in tutti i settori ad eccezione del settore agricoltura e pesca e che:

  • siano attive alla data dell’evento calamitoso;
  • siano localizzate e/o abbiano subito danni nei Comuni individuati dalle Ordinanze commissariali e/o che abbiano subito danni durante l’esercizio della propria attività nei suddetti comuni

Il bando definisce ulteriori requisiti di ammissibilità.

Le imprese richiedenti devono inoltre:

  • aver presentato la “Scheda segnalazione danni” (modello C1) secondo la procedura prevista dagli uffici del Commissario Delegato
  • partecipare/aver partecipato alle procedure per la concessione ed erogazione di fondi nazionali a titolo di ripristino danni, secondo le procedure di cui al D lgs 1/2018 “Codice della Protezione Civile” che saranno disciplinate con successive Ordinanze (rendicontazione C1)

 

Tipologia di aiuto e importo concedibile

L’agevolazione è concessa nella forma di contributo in c/interessi. In ogni caso la sovvenzione è pari al valore minimo tra i tre seguenti valori:

  • 7.000,00 euro;
  • il totale degli interessi calcolati per un tasso pari ai relativi indici di riferimento a tasso fisso (IRS) o tasso variabile (Euribor) incrementati del 3.5% (spread);
  • il totale degli interessi calcolati sul tasso di riferimento del 6%.

 

La sovvenzione è concedibile anche a fronte di contratti di finanziamento stipulati prima dell’approvazione del bando, purché in data seguente al verificarsi dell’evento meteorologico e aventi ad oggetto finalità, durata e tasso di interesse compatibile con il presente intervento o rideterminati in tal senso

Il prestito:

  • non può eccedere l’importo massimo 50.000,00 euro. In caso di prestito già erogato alla data di entrata in vigore del presente intervento, saranno ammissibili anche prestiti di importo superiore a 50.000,00 euro; in questo caso, l’importo della sovvenzione verrà comunque calcolato nel rispetto del suddetto importo massimo (50.000,00 euro).
  • deve avere durata fino a 36 mesi, di cui massimo 6 mesi di preammortamento. In caso di prestito già erogato alla data di entrata in vigore del presente intervento, saranno ammissibili anche finanziamenti di durata superiore a 36 mesi; in questo caso, l’importo della sovvenzione sarà pari al minore dei valori calcolati secondo il piano di ammortamento contrattuale e un piano di ammortamento con durata massima 36 mesi.

 

Presentazione delle domande ed erogazione del contributo

Sarà possibile presentare le domande dalle ore 14:00 del 12 aprile 2024 e fino ad esaurimento fondi sul portale della Regione Toscana https://bandi.sviluppo.toscana.it/alluvioneinteressi

Per la presentazione delle domande è necessaria una perizia redatta da un tecnico iscritto ad albo.

 

 

Linea B – contributi a fondo perduto per acquisto di beni strumentali materiali ed immateriali e interventi sugli immobili

 

Beneficiari

Micro, piccole e media imprese e i professionisti aventi sede legale e/o unità locale in Toscana, operanti in tutti i settori economici individuati dalla DGR n. 1155 del 9/10/2023 che:

  • siano attivi alla data dell’evento calamitoso
  • siano localizzati nei Comuni individuati dalle Ordinanze commissariali e/o che abbiano subito danni durante l’esercizio della propria attività nei suddetti comuni
  • siano stati danneggiati a seguito degli eventi di cui alle citate delibere del CdM

Sono ammessi anche altri soggetti (quali associazioni, fondazioni, comitati e altri enti non societari che esercitano un’attività economica) classificati nelle suddette attività economiche.

Per la classificazione delle attività economiche rileva il possesso, alla data di presentazione della domanda, di uno dei codici Ateco di cui alla classificazione delle attività economiche Ateco Istat 2007 e successivi aggiornamenti, individuato come primario per la/le sede/sedi (sede legale e/o unità locale) destinataria/destinatarie dell’agevolazione e dei seguenti requisiti di ammissibilità

Le imprese richiedenti devono inoltre:

  • aver presentato la “Scheda segnalazione danni” (Modello C1) secondo la procedura prevista dagli uffici del Commissario Delegato
  • partecipare/aver partecipato alle procedure per la concessione ed erogazione di fondi nazionali a titolo di ripristino danni, secondo le procedure di cui al D lgs 1/2018 “Codice della Protezione Civile” che saranno disciplinate con successive Ordinanze (rendicontazione C1)

Il bando definisce ulteriori requisiti di ammissibilità.

 

Spese ammissibili e contributo concedibile

Sono ammissibile le seguenti spese sostenute tra il 3/11/2023 ed il 31/10/2024.

  • interventi sugli immobili: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia;
  • acquisto di impianti, macchinari, attrezzature, mobili e arredi e altri beni funzionali all’attività di impresa;
  • progettazione e direzione lavori in misura non superiore al 10% dell’investimento complessivo ammissibile;
  • investimenti immateriali quali acquisizione di servizi di consulenza, che non siano continuativi o periodici ed esulino dai costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità. Sono ammissibili le spese sostenute per la perizia richiesta ai fini dell’accesso al bando,

Per data di sostenimento delle spese si fa riferimento non solo alla fattura e pagamento ma anche a date di conferme ordine, stipula contratti e/o accettazione preventivi che devono risultare successive alla data dell’evento

Le spese non devono riguardare il ripristino di beni danneggiati oggetto di contributi nazionali.

Non sono ammessi investimenti iniziali per nuove attività.

Il contributo è pari al 100% delle spese ammissibili con un massimo concedibile di Euro 5.000,00, salvo incrementi derivanti da risorse disponibili e da redistribuire equamente tra tutti i beneficiari

 

Presentazione delle domande e graduatoria

Sarà possibile presentare le domande dalle ore 14:00 del 15 aprile 2024 e fino alle ore 16 del 17/05/2024 sul portale della Regione Toscana

https://bandi.sviluppo.toscana.it/alluvioniinvestimenti

Per la presentazione delle domande è necessaria una perizia redatta da un tecnico iscritto ad albo.

Le domande di agevolazione ammissibili sono ordinate in una graduatoria sulla base dei seguenti criteri:

  • rapporto, espresso in forma percentuale con due cifre decimali, tra l’importo totale dei danni oggetto di perizia e il dato del fatturato dell’esercizio 2022;
  • la graduatoria è stabilita in ordine dei valori decrescenti del rapporto di cui sopra;
  • a parità di valore del rapporto, la graduatoria considera la data di presentazione della domanda (giorno, ora, minuto, secondo).

 

Per informazioni e assistenza contattare l’Ufficio Credito

Controlla anche

Decreto legge Coesione – Imprese artigiane: “Occasione per rilancio imprese e territori”

Il decreto legge Coesione è un coerente completamento della manovra di bilancio e un intervento …

Il Presidente della Repubblica Mattarella riceve i vertici della CNA

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale il Presidente Nazionale della CNA, Dario Costantini, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.