fbpx

Il Presidente Nazionale e il Segretario generale di CNA, Dario Costantini e Otello Gregorini, in visita a Montale, Montemurlo e Campi Bisenzio nelle imprese colpite dall’alluvione

Una situazione intollerabile a ben 25 giorni dall’alluvione. E questo quello che è emerso quest’oggi nelle zone di Campi Bisenzio, Montale e Montemurlo durante il sopralluogo alle aziende colpite dall’alluvione dello scorso 2 novembre del Presidente di CNA Nazionale Dario Costantini e del Segretario Generale di CNA Otello Gregorini.

Presidente e Segretario Generale nazionali sono stati accolti dal Presidente di CNA Toscana Luca Tonini dai Presidenti di CNA Firenze Giacomo Cioni e CNA Toscana Centro Claudio Bettazzi oltre che ai Vicepresidenti Elena Calabria e Fabio Petri. Erano presenti anche il Sindaco di Montemurlo Simone Calamai e il vicesindaco Giuseppe Forastiero. 

“Ho trovato Imprenditori provati – afferma Dario Costantini Presidente di CNA – ma che si sono mossi immediatamente per riprendere l’attività d’Impresa. Ci sono però ancora troppi problemi nella rimozione dei detriti e dei rifiuti; in momenti come questi bisogna allentare la morsa della burocrazia e mettere in condizione le Aziende di riprendere le attività senza ostacoli. Abbiamo già sollecitato il Governo per rimandare le scadenze fiscali, che tutti lavorino – al di là delle bandiere – per mettere a disposizione i primi fondi per mantenere in vita le attività. Ringrazio la CNA Regionale della Toscana e le Territoriali per essersi mosse immediatamente e il nostro Confidi – Artigiancredito – che si è mosso da subito per assistere le Imprese. È chiaro però che la risposta più significativa deve arrivare dalla Politica, sia per affrontare queste prime fasi dell’emergenza, sia per comprendere quali siano i Territori a rischio anche nei mesi a venire. Siamo qui, con il Segretario, per lavorare in sintonia con le richieste dei nostri Territori”.

“Dopo tutto questo, tempo ben 25 giorni, quello che Costantini e Gregorini si sono trovati davanti a una situazione disastrosa per non dire devastante – afferma il Presidente di CNA Toscana Luca Tonini – famiglie imprese colpite pesantemente e un silenzio totale di tutta la politica. Un gran numero di imprese a Montemurlo, Montale e Campi Bisenzio faranno molta fatica a riaprire e molte non riapriranno. In particolare a Montale e Campi Bisenzio, fango, suppellettili macchinari materie prime e prodotti finiti e tutto ciò che è stato inondato dal fango non è stato portato via, abbiamo invece notato che a Montemurlo la situazione è leggermente migliore”.

“In un’area in cui si danno risposte sia a commesse che vengono da lontano che dal territorio – aggiunge Giacomo Cioni, Presidente CNA Firenze Metropolitana – la preoccupazione non è solo quella dei danni subiti, ma anche quella di riuscire a tornare operativi il più presto possibile, così da ricominciare a lavorare e a fatturare. La difficoltà più grossa è quella di far coincidere la piena operatività con le richieste che arrivano quotidianamente. L’altro aspetto è il debito messo in pancia in queste settimane da ogni attività colpita, che dovrà essere spalmato su un periodo adeguato con rate sopportabili che sia possibile onorare. Il sistema bancario deve avere un occhio di riguardo nel modo in cui tratterà le singole situazioni dal punto di vista dei costi e dei tassi, ma anche essere disponibile ad aiutare a far capire come ottenere liquidità nel più breve tempo possibile. Come spesso accade occorre un’operazione anticiclica, quella che va oltre alla situazione che vede un fermo lavorativo e che deve essere subito catalizzatrice di una ripartenza del lavoro”.

“A distanza di 3 settimane dall’alluvione – conclude Claudio Bettazzi Presidente CNA Toscana Centro – le zone colpite stanno vivendo ancora una fortissima situazione di disagio e le conseguenze di questa calamità certo non possono dirsi risolte. Le aziende fanno fatica a ripartire, nonostante l’impegno a tutto campo messo sia dagli imprenditori che dai dipendenti, e malgrado la volontà ferrea di rimettersi in gioco, qui però abbiamo ancora in moltissime zone montagne di fango che non viene portato via, strade interrotte e collegamenti difficoltosi, per non parlare della messa in sicurezza degli argini di fiumi e corsi d’acqua che non sono in grado di reggere precipitazioni intense. Questo non è accettabile e chiediamo alle istituzioni il massimo impegno ad intervenire per agevolare al massimo un ritorno celere alla normalità”.

Controlla anche

Settore tessile e moda – CNA nazionale lancia un’indagine online – Rispondi qui al questionario !!

Per cogliere lo stato di salute del Sistema Moda, CNA ha avviato un’indagine online rivolta …

CNA Impresa Donna Toscana Centro lancia Know & Share: un ciclo di 4 incontri tra imprenditrici per fare rete. Pasquali: “Le imprese in rosa crescono ma sono ancora tanti gli ostacoli da rimuovere”

Quasi 14.000 imprese femminili attive sono state registrate nel 2023 dalla C.C.I.A.A., di cui oltre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.