fbpx

Iniziativa CNA Toscana Centro – Le nuove frontiere del credito e dei servizi alle imprese al centro del Convegno con Banca d’Italia, Artigiancredito Toscano, Banca Aidexa e Finart

Sempre più orientate su prodotti finanziari innovativi e credito fintech e sempre più a caccia di servizi personalizzati e calibrati a misura delle dimensioni aziendali.

Questa, in sintesi, la fotografia delle esigenze creditizie che hanno oggi le aziende, emersa dal convegno organizzato da CNA Toscana Centro “Credito alle Imprese – Scenari, strumenti, servizi”, un vero e proprio focus sulla situazione del credito alle imprese che ha visto la partecipazione di oltre 80 imprenditori ad ascoltare gli interventi dei dell’Associazione e dei massimi esponenti di Banca d’Italia filiale di Firenze, Artigiancredito Toscano e Banca Aidexa, relatori all’iniziativa tenutasi a Villa Smilea di Montale.

Sono intervenuti per CNA Toscana Centro Emiliano Melani (vicepresidente con delega al credito) e Claudio Bettazzi (Presidente CNA Toscana Centro). Lo scenario economico è stato tracciato dal dott. Mario Venturi (Direttore Banca d’Italia filiale di Firenze), mentre i dati sull’attività di Artigiancredito sono stati forniti da Fabio Petri (Presidente Artigiancredito) e le novità sul credito Fintech da Banca Aidexa con il dott. Federico Sforza (CEO). Infine il dott. Simone Marchi (Resp. Credito e finanza agevolata CNA) ha illustrato i servizi del sistema CNA a supporto dell’accesso al credito Per le imprese.

Per avere un’idea del supporto al credito che le imprese dell’area Prato-Pistoia hanno ottenuto attraverso Artigiancredito e i servizi del sistema CNA, basti pensare che i risultati 2022 della filiale ACT di Prato e Pistoia parlano di quasi 61 milioni di finanziamenti garantiti deliberati e  oltre 2 milioni di credito diretto erogato.

Ad entrare nel dettaglio dei prodotti è stato Emiliano Melani, Vicepresidente CNA Toscana Centro con delega al credito e consigliere di Artigiancredito. “In questi anni sono stati messi a disposizione nuovi prodotti studiati per le micro e piccole imprese che si affiancano alla tradizionale garanzia a prima richiesta fino all’80% che viene rilasciata alle banche a sostegno di operazioni sia di breve che di medio lungo termine, a cui può essere affiancato un contributo della Regione Toscana a fondo perduto dell’1,5% dell’operazione garantita.  Uno dei nuovi prodotti è il credito diretto Artigiancredito, studiato per sopperire alle necessità finanziarie immediate con tempi di delibera ed erogazione estremamente veloci e senza necessità di aprire un nuovo conto corrente. Si tratta di un finanziamento chirografario per investimenti o liquidità con importo da 5.000 a 50.000 euro a rata mensile e durata 36-48 o 60 mesi. Altro prodotto è X Instant Garantito in collaborazione con banca Aidexa, uno strumento veloce che permette di un finanziamento fino a 1.000.000 € rimborsabile in 24/36/48/60 mesi, con garanzia all’80% di Artigiancredito, grazie alla quale l’imprenditore non è tenuto a fornire alcuna garanzia personale. Infine, ultimi ma non meno importanti, i prodotti di Leasing sia strumentale (anche con contributo Nuova Sabatini) che immobiliare che stanno riscuotendo un successo superiore al previsto e l’assicurazione sul credito. Fondamentale per le aziende è il ruolo di supporto che CNA, insieme alla società di mediazione del sistema regionale Finart CNA srl, offre alle imprese per assisterle nell’analisi dei fabbisogni e nella scelta del prodotto più adatto, predisponendo per conto dell’impresa tutta la pratica di finanziamento, fornendo anche assistenza nella preparazione del business plan che sempre di più sta diventando un elemento di valutazione da parte del sistema bancario per concedere credito. Inoltre monitoriamo i principali strumenti agevolativi a livello locale, regionale e nazionale relativi all’attività di impresa (costituzione impresa, investimenti materiali e immateriali, innovazione, internazionalizzazione) assistendo gli associati nella ricerca dello strumento migliore e fornendo un’assistenza completa nella presentazione e rendicontazione dei progetti”.

Come ha sottolineato il Presidente di CNA Toscana Centro, Claudio Bettazzi, “le imprese di minori dimensioni negli ultimi anni non hanno beneficiato dell’incremento del credito e anzi si registra per loro una contrazione. Questi primi segnali, unitamente all’aumento dei tassi, impongono una riflessione sugli scenari futuri che si potrebbero aprire. Le banche infatti sono sempre più restìe a concedere finanziamenti di importo contenuto, cioè proprio quelli necessari alle esigenze di micro e piccole imprese, ed è per questo che CNA non è rimasta a guardare. Sul territorio abbiamo consolidato i servizi e il lavoro che stiamo facendo a fianco di Artigiancredito, per consentire alle aziende e ai giovani imprenditori che avviano un’attività di cogliere al massimo le opportunità date dalle garanzie su prestiti e finanziamenti, e al tempo stesso abbiamo stretto accordi sia con istituti bancari primari del territorio, sia, attraverso Artigiancredito, con realtà innovative come Banca Aidexa che lavora nel settore fintech. Grazie a queste intese siamo in grado di riservare alle pmi i sostegni di cui hanno bisogno. Ma non è sufficiente. Per questo ci stiamo muovendo anche a livello nazionale ed europeo con ulteriori interventi. Sul fronte nazionale, condividiamo la necessità di una riforma normativa che fornisca al sistema della garanzia mutualistica un quadro legislativo e gli strumenti per svolgere al meglio il loro ruolo di partner qualificato delle micro e piccole imprese in ambito finanziario e per facilitarne concretamente lo sviluppo mentre a livello europeo abbiamo da tempo posto l’esigenza di mitigare le rigidità della regolamentazione bancaria, che rischia di rendere ancora più selettivo l’ottenimento del credito per i soggetti di dimensioni più contenute”.

Per comprendere l’entità del supporto garantito alle pmi dai Confidi basta guardare ai dati forniti dal Presidente di Artigiancredito Fabio Petri. “Artigiancredito ha chiuso il 2022 con circa 480 milioni di finanziamenti garantiti alle imprese, che mediamente si vede garantire 70.000 euro e abbiamo raggiunto la soglia di ben 118.000 soci tra Toscana ed Emilia Romagna. Di questi 480 milioni nel 2022 ben 40 milioni hanno riguardato il credito fintech, in crescita esponenziale rispetto al 2021 (erano 7 milioni di credito fintech) e che sta interessando in modo sempre più importante il credito alle pmi. A fronte delle difficoltà del sistema bancario a dare credito alle imprese, Artigiancredito è sempre più protagonista nel supportare le piccole e medie imprese, generalmente al di sotto dei 15 dipendenti, e mette anche a disposizione del sistema associativo artigiano molti strumenti accessori importanti come leasing, assicurazione credito. Il nostro obiettivo – spiega Petri – è quello di accompagnare le imprese in un “mare” finanziario ed economico ancora molto agitato cercando di proteggerle,  sia garantendogli il rapporto col sistema bancario sia con l’accesso a tassi ancora estremamente agevolati e bassi rispetto alle condizioni di mercato. Non mancano poi le novità assolute come gli accordi per i minibond di filiera, sui quali Artigiancredito sta lavorando insieme alle Regioni per garantire uno strumento innovativo e complementare al sistema bancario e reperire risorse sul mercato degli investitori e non solo bancario. Infine da due anni è attivo anche uno strumento dato in esclusiva alle associazioni di categoria, cioè il credito diretto fino a 50.000 euro. Tra il 2021 e il 2022 sono stati erogati 35 milioni di credito diretto, con importi medi di 20.000 euro, interessando quindi prevalentemente le micro imprese che hanno apprezzato enormemente questo strumento”

Controlla anche

Emergenza Alluvione – Contributi EBRET a sostegno delle imprese colpite dall’alluvione – scadenza 31 luglio

  E’ attiva la misura straordinaria prevista da EBRET a sostegno delle imprese colpite dall’alluvione del 2 …

SAVE THE DATE – 3° Rapporto MISMATCH CNA – Venerdì 19 Aprile ore 10.30 Prato

PRESENTAZIONE DEL 3° RAPPORTO MISMATCH CNA Le aziende artigiane di fronte alle sfide del futuro: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.