fbpx

Spettacoli viaggianti e itineranti e ambulanti che vendono nelle fiere e nei mercati turistici – Fino a 2.500 euro di contributo dalla Regione Toscana – scadenza 29 gennaio

Scadenza presentazione domande 29 gennaio – E’ prevista una graduatoria in base al calo % di fatturato

La Giunta Regionale Toscana ha approvato un nuovo bando con uno stanziamento di circa 2 milioni di euro con la finalità di sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti nel settore degli spettacoli viaggianti ed itineranti e quelle che esercitano attività di commercio ambulante nelle fiere e nei mercati turistici, particolarmente colpite dalle restrizioni imposte per il contenimento del contagio da Covid-19.

 

Soggetti beneficiari

Micro, piccole e medie imprese, nonché professionisti, aventi la sede principale o almeno un’unità

locale ubicata nel territorio regionale, operanti nei settori di attività di seguito elencati:

  • spettacoli viaggianti e itineranti:
    • in possesso di licenza di esercizio per attività di spettacolo viaggiante ed itinerante e titolari di almeno 5 permessi (licenze temporanee), rilasciati dal Comune territorialmente competente rispetto al luogo di svolgimento della manifestazione, nel periodo tra il 1 gennaio 2019 ed il 30 novembre 2020;
  • ambulanti delle fiere e dei mercati turistici:
    • in possesso di almeno una licenza amministrativa per l’esercizio dell’attività e della relativa concessione di posteggio per la specifica fiera, che nel corso dell’anno 2019 abbiano partecipato a fiere per almeno 80 giorni oppure in possesso di una licenza amministrativa per l’esercizio dell’attività in mercati turistici 7 giorni su 7 e della relativa concessione di posteggio in tali mercati

 

Tipologia ed entità dell’aiuto

L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto, di importo pari ad Euro 2.500,00 per ciascun beneficiario nel caso di esercenti attività di spettacolo viaggiante ed itinerante, e di Euro 1.500,00, nel caso degli ambulanti di fiere e mercati turistici, a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dal 1 gennaio 2020 al 30 novembre 2020 sia inferiore di almeno il 50,00% rispetto all’ammontare del fatturato e dei corrispettivi realizzati nel periodo dal 1 gennaio 2019 al 30 novembre 2019.

Per le imprese che si sono costituite nel corso del 2019, la verifica del suddetto calo di fatturato si effettua confrontano i mesi di operatività nel 2019 con gli stessi mesi nel 2020; per le imprese che, invece, si sono costituite nel corso del 2020, non è richiesto il requisito del calo del fatturato ma il contributo spettante verrà riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di operatività nel periodo di osservazione 1 gennaio 2020-30 novembre 2020.

In entrambi i casi, qualora l’attività non sia iniziata in coincidenza con l’inizio del mese, il mese sarà computato per intero se la data di inizio cade tra l’1 ed il 15 mentre non sarà computato se l’attività è iniziata dal giorno 16 in poi.

 

Presentazione domanda di agevolazione e istruttoria

La raccolta delle domande prende avvio, sul portale di Sviluppo Toscana SpA, a partire dalle ore 9.00 del 11 gennaio 2021 e termina alle ore 17.00 del 29 gennaio 2021.

L’istruttoria delle domande presentate è effettuata da Sviluppo Toscana SpA a partire dal giorno successivo alla data di chiusura di presentazione delle domande e si conclude nei 30 giorni successivi con l’approvazione di una graduatoria.

La graduatoria delle domande ammesse è determinata in funzione della % di calo di fatturato registrata e con ordinamento decrescente, privilegiando quindi le domande presentate da imprese/professionisti che hanno registrato un maggior calo di fatturato nel periodo osservato.

Le imprese costituite nel corso del 2020 saranno posizionate di default tutte al primo posto nella graduatoria.

Premessa la necessità di regolarità contributiva previdenziale e assistenziale, qualora la verifica di tale requisito non si concluda nei termini previsti per mancato rilascio del DURC, il richiedente viene provvisoriamente ammesso con riserva: la concessione del contributo e l’erogazione avverranno al momento dell’ottenimento del certificato di regolarità contributiva (DURC regolare).

 

Erogazione

Sulla base delle informazioni contenute nella domanda di agevolazione, il contributo a fondo perduto è corrisposto da Sviluppo Toscana Spa in unica soluzione, contestualmente alla concessione dell’aiuto, mediante accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale intestato al soggetto beneficiario e indicato nella domanda di agevolazione.

 

Per informazioni e assistenza contattare entro il giorno 22 gennaio l’Ufficio Credito CNA Toscana Centro – Finart CNA:

Controlla anche

blank

Approvato il nuovo Decreto Legge – In vigore dal 16 gennaio ulteriori disposizioni per il contenimento del contagio da Covid 19

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute …

blank

L’Unione Artigianato Artistico e Tradizionale scrive alla Regione. Sul tavolo proposte per salvare un comparto di 20.000 aziende in Toscana

 “La ripartenza delle mostre mercato, un credito di imposta per gli affitti ed esenzione IMU …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: