martedì , dicembre 11 2018
Home / Mestieri / Agroalimentare / Tavoli regionali dei rifiuti: dopo gli incontri in Regione, le Associazioni datoriali fanno il punto della situazione

Tavoli regionali dei rifiuti: dopo gli incontri in Regione, le Associazioni datoriali fanno il punto della situazione

Le tre riunioni che si sono tenute ieri in Regione Toscana, alla presenza fra gli altri del presidente Enrico Rossi, dell’assessore Federica Fratoni e dell’Arpat, sull’economia circolare nei settori carta, lapideo e tessile hanno visto la ripresa di un percorso che, per quanto con molta lentezza, sembra positivamente avviato alla sottoscrizione di Patti per l’economia circolare per ciascuno dei tre settori.

Rimangono scogli sostanziali da affrontare sul tema più complesso, quello dei rifiuti. Rifiuti che, precisano Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro e Confartigianato Imprese Prato (la prima impegnata in tutti e tre i tavoli, le seconde nel solo tavolo per il tessile), necessitano comunque di smaltimento in impianti di prossimità secondo le linee guida europee recepite dalla stessa Regione Toscana. Rimane fermo l’impegno delle imprese a ridurre la quantità dei rifiuti attraverso il riciclo e prassi produttive sempre più avanzate e in grado di limitare i residui di lavorazione: a questo, del resto, mirano i Patti in via di sottoscrizione. Molti scarti potrebbero trovare impiego agevolandone l’utilizzo come sottoprodotti. Per altri ancora potrebbero essere semplificate le strade per il recupero. La stessa Regione Toscana si è dichiarata disponibile a sposare le istanze delle associazioni in questa direzione.

Tuttavia sul piano sia tecnico che pratico è impensabile che i rifiuti possano azzerarsi e occorre quindi trovare soluzioni. Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro e Confartigianato Imprese Prato non ritengono che lo smaltimento dei rifiuti speciali debba essere demandato esclusivamente alle amministrazioni pubbliche. Ritengono tuttavia che il ruolo degli enti pubblici, in particolare dell’amministrazione regionale, sia indispensabile e propedeutica ai fini della realizzabilità effettiva degli impianti (pianificazione territoriale, aspetti autorizzativi), della razionalizzazione del loro numero senza incorrere in una frammentazione eccessiva che ne renderebbe difficile anche la vigilanza e, non ultima, dell’ottimizzazione della loro funzionalità. Quest’ultimo aspetto diventerà ancor più significativo quando, dando seguito ai Patti e aumentando la quota del riciclo, il volume dei rifiuti si ridurrà ulteriormente.

Nel caso dei rifiuti tessili, già ora la limitata quantità (50.000 tonnellate annue), unita all’eccessivo potere calorifico di questi materiali, renderebbe impossibile pensare a un impianto di termovalorizzazione esclusivamente dedicato. La soluzione, per il tessile ma non solo, è quella di impianti in grado di smaltire più tipologie di rifiuti, così da garantirne la miglior funzionalità e la flessibilità necessaria in una fase in cui – con il pieno accordo delle imprese – la Regione Toscana opera perché i rifiuti riducano sempre più il loro volume. Positivo l’impegno di Alia a risolvere gli aspetti legati alla raccolta e alla caratterizzazione dei rifiuti per le imprese più piccole.

Le soluzioni tecniche ci sono: Confindustria Toscana Nord, CNA Toscana Centro e Confartigianato Imprese Prato ritengono che l’impegno della Regione Toscana e delle imprese consenta di affrontare il problema nella maniera migliore.

Controlla anche

13 e 14 Dicembre: al via la 4a edizione di AB DIGITAL CNA TC. Prenotati su Eventbrite e acquista i biglietti per le lezioni di social ed e-commerce con i migliori professionisti del web.

Il 13 e 14 dicembre torna AB Digital, l’evento dedicato al web organizzato da Cna …

Evento informativo “Ripararsi dal freddo fa bene alla salute?” – Focus sulle soluzioni coibenti. 13.12.2018

Cna Toscana Centro, partner dell’iniziativa organizzata da Biosafe, invita le imprese del settore installazione e …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: